“Una casa per Nannarella”, il monumento dedicato ad Anna Magnani

Venerdì 25 ottobre verrà presentato in anteprima “Una casa per Nannarella“, omaggio all’indimenticata “Mamma RomaAnna Magnani. L’artista scultore Gianluca Bagliani offrirà così alla città di Roma un busto in bronzo dedicato alla grandissima attrice, emblema del cinema italiano neorealista del dopoguerra, simbolo di emancipazione e riscatto. Proprio nei vicoli di Trastevere, quartiere simbolo della romanità e luogo d’elezione della Magnani. L’intenzione è di donarle, in eterno, una dimora, unità alla volontà di omaggiare al contempo la Donna, forte e combattiva, antesignana dei diritti acquisiti nei decenni successivi e con lei tutte le donne che rappresenta e che hanno pianto al suo funerale gridando: “Nannarella sei tutte noi“!

A Trastevere io sono Nannarella, quella vera, sboccata e trasandata. Tra gli aromi e i sapori delle trattorie trovo il mio duplice volto, in perenne altalena tra le lacrime inconsolabili e le risate irrefrenabili. (Anna Magnani)

L’artista

Gianluca Bagliani modella l’argilla da quando è bambino. La sua arte si vuole porre al confine tra l’illusione e la realtà. Qui dà forma alle sue opere: figure immaginarie che evocano filosofie e credenze esoteriche, ma anche ritratti di personaggi reali. Nel suo laboratorio di Soriano del Cimino hanno ripreso vita le anime di scrittori, eroi civili, cantanti e attori come Pirandello, Fabrizio De Andrè, Eduardo De Filippo e Pasolini. Il 25 ottobre scoprirà la statua di Anna Magnani, identità femminile forte, dopo quella già rappresentata di Anita Garibaldi. La storia di Bagliani viaggia parallela a quella delle sue argille e dei suoi bronzi. Un artista sospeso tra la quotidiana ricerca di una verità possibile e l’abbandono a dimensioni altre, nelle quali rintracciare echi di una cultura cresciuta tra libri e commedie, insieme ad una madre guida, donna combattiva e curiosa, cui ha mantenuto la promessa di terminare l’opera.

L’evento

Venerdi 25 ottobre, alle ore 17.30, nella nicchia del palazzo in via della Pelliccia 45 in Trastevere, verrà svelata alla Città l’opera di Bagliani, insieme alla posa della targa in travertino dedicata ‘A Mamma Roma’. Madrina della manifestazione Lidia Vitale, attrice pluripremiata ed autrice del monologo “Solo Anna” diretto da Eva Minemar, osannato dalla critica per l’interpretazione dell’icona del cinema italiano. La Vitale leggerà un estratto dal Diario del racconto dei quaranta giorni trascorsi in America.

Interverrà poi l’attrice Kasia Smutniak, fondatrice della Pietro Taricone Onlus. L’artista Bagliani inoltre realizzerà una serie limitata di trenta multipli del monumento. Parte del ricavato della vendita sarà devoluto a favore dei progetti dell’associazione per la scolarizzazione e la protezione della cultura dell’infanzia nel Mustang. Presente Sabrina Alfonsi, presidente del Municipio I e Stefano Marin, presidente della commissione urbanistica del Municipio I che patrocina la manifestazione.

L’iniziativa è supportata da: Film Commission Lazio; progetto Human Installations delle artiste internazionali Kyrahm e Julius Kaiser; NightItalia Magazine, fondata da Marco Fioramanti ed Anton Perich, fotografo ufficiale della Factory newyorkese di Andy Warhol. Si ringrazia Kissy Dugan, presidente di Women in film, rete mondiale dedicata a promuovere lo sviluppo professionale e la rappresentazione delle donne nei settori legati ad audiovisivo e media. Con oltre 14.000 membri in tutto il mondo, WIF si batte per la parità di genere sul posto di lavoro e per portare un cambiamento profondo a livello culturale e sociale.