“Un chiodo nel mio stivale” in scena al Nuovo Cinema Palazzo

Il primo appuntamento della rassegna teatrale ContraBBando 2019 sarà il 15 marzo con Un chiodo nel mio stivale, uno spettacolo ispirato a Vladimir Majakovskij. Questo progetto interdisciplinare sul poeta simbolo della Rivoluzione Russa è nato dalla fusione delle capacità e passioni di tre ragazzi: l’ideatore ed interprete Daniel Terranegra, la scrittrice Livia Filippi e il musicista Fabio D’Onofrio. La regia sarà curata da Reza Keradman. ContraBBando 2019 ha come obiettivo la creazione di nuovi flussi di incontro, scambio e produzione culturale e artistica. Grazie alle residenze artistiche si favorirà lo sviluppo di esperienze di coproduzione e il confronto tra gli artisti e le altre realtà che convivono al Nuovo Cinema Palazzo. Saranno previsti altri 5 spettacoli fino a settembre 2019 (qui il calendario completo).

Un poeta che smosse le coscenze

Un chiodo nel mio stivale vuole gettare le basi di un ponte che parte dalla Russia del 1917 e attraversa la rivolta di Majakovskij contro la borghesia, gli intellettuali, il cattolicesimo, in nome di un futuro più umano. Incontra compagni del poeta quali Blok, Esenin, Pasternak e l’inventiva di artisti come Kandinskij che hanno dato all’arte un ruolo fondamentale. Arriva ad oggi, a l’assenza di felicità, ragione e libertà del nostro Paese che, come la Russia del tempo, necessita di essere riorganizzato a livello politico, sociale e artistico. Fare spazio ad un poeta (professione oggi non riconosciuta) che ha unito la propria vita ad una forza lirica appassionata, dissacrante, anti borghese e libertaria, è un dovere. Soprattutto se questo è ancora capace di incendiare la coscienza e il cuore di chiunque gli si avvicini.

La compagnia The Ghepards ha così creato questo incontro per tornare, anche se soltanto per un’ora, a l’essenza dei bisogni umani, a l’importanza di protestare contro l’inganno politico, contro chi studia i nostri desideri e li trasforma in merce da consumare, per anestetizzarci, per distrarci dalle nostre aspirazioni e dai nostri valori. Ogni anno il progetto si è evoluto, crescendo grazie a degli esperimenti. Nei dieci giorni di residenza artistica al Nuovo Cinema Palazzo, la compagnia The Ghepards ha inserito l’elemento mancante: quello sonoro. Infatti il musicista Fabio D’Onofrio interverrà durante la scena, ora a sostegno ora a contrasto dell’attore e della performance, con suoni elettronici contemporanei mescolati a riferimenti di musica classica.

Nelle due foto l’attore Daniel Terranegra

Nuovo Cinema Palazzo: uno spazio culturale libero

Nell’aprile del 2011 cittadini, artisti, studenti, attivisti di spazi sociali e associazioni di San Lorenzo occuparono il Cinema Palazzo (un ex teatro del ‘900), salvando lo spazio dalle mire speculative della società Camene Spa, la quale voleva progettare di aprirvi un casinò. Da allora è diventato un luogo del possibile, autogestito e autofinanziato: uno spazio antifascista, antirazzista e antisessista. Il 3 Ottobre 2017 si è aperto il processo penale per la liberazione dello spazio in cui sono imputate dodici persone. Ciò che si mette sotto accusa è la resistenza e la forza con le quali questo spazio si è riappropriato della propria vocazione culturale originaria: vocazione che permette oggi anche questo ContraBBando.

La produzione culturale del Nuovo Cinema Palazzo si basa sulla condivisione dei saperi e sulla creazione di una contaminazione continua che metta in discussione le categorie imposte quali artista, spettatore e tecnico. Inoltre privilegia l’utilizzo dello strumento assembleare in luogo di un direttore artistico. L’ambito culturale dello spazio è indipendente e autoprodotto in tutte le sue fasi. Non riconosce la logica del profitto e i criteri di esclusione e competizione della società capitalistica. Si crede, piuttosto, nella libertà di creare, nell’autonomia della produzione del cognitivo e dell’arte in tutte le sue forme. Il Nuovo Cinema Palazzo è uno spazio d’autonomia, un bene comune urbano nella città di Roma.

Un chiodo nel mio stivale

Ideazione e interpretazione Daniel Terranegra
Regia Reza Keradman
Scrittura e aiuto regia Livia Filippi
Musiche eseguite dal vivo Fabio D’Onofrio
Disegno luci e scene Fabrizio Cicero
Una coproduzione Nuovo Cinema Palazzo_ContraBBando

Quando:

venerdi 15 marzo

Calendario ContraBBando 2019: https://www.nuovocinemapalazzo.it/2019/01/20/contrabbando_calendario/

Info:

Al Nuovo Cinema Palazzo non si vendono biglietti e non esistono prevendite: si propone una quota di complicità di 5 euro, che in forma di autofinanziamento tiene in vita il laboratorio politico e culturale di questo spazio e contribuisce al lavoro degli artisti e degli ospiti.

nuovocinemapalazzo.it   https://www.facebook.com/events/831083790594963/

Dove:

Nuovo Cinema Palazzo, Piazza dei Sanniti, 9a, 00185 Roma