“Time Off”: il tempo del disegno e della pittura di Fabio Barilari

Venerdì 17 Maggio 2019, presso il Teatro San Genesio di Roma, verrà inaugurata la nuova mostra personale di pittura di Fabio Barilari, “Time Off“. L’esposizione, che resterà gratuitamente fruibile al pubblico fino al 9 giugno, è inserita nell’ambito degli eventi organizzati dal Vitala Festival a favore di musica e arte.

Fabio Barilari, “Time Off“, Monterey – California (@ Fabio Barilari)

In questa ottava mostra personale a Roma, Fabio Barilari presenta nuovi numerosi lavori che proseguono e sviluppano ulteriormente il suo interesse per il racconto di luoghi ed atmosfere, alternando differenti tecniche di disegno e narrazione. In particolare per questa esposizione, la sua attenzione è dedicata agli spazi emozionali, mentali e fisici del tempo libero, del Time Off. Istanti che raccolgono e raccontano sensazioni e luoghi: “Time Off” è il tempo del disegno e della pittura. La produzione di Barilari alterna da sempre forme libere e astratte a immagini di paesaggi principalmente urbani, ma anche una ricca produzione di illustrazioni e ritratti. Sono istantanee impressioni di vita reale e di luoghi che cercano di mostrare la loro anima intangibile, la memoria che custodiscono, il loro senso.

Da sinistra “Trastevere“; “San Francisco” e “New York” (@ Fabio Barilari)

Un architetto e illustratore

Barilari si specializza come architetto nello studio e nella progettazione architettonica ed urbana. Lo studio Fabio Barilari Architetti ha ottenuto riconoscimenti e pubblicazioni nazionali ed internazionali quali il 1 ° premio Inarch nel 2000 e nel 2010. Partecipa alla Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa del Mediterraneo (Roma, 1999), alla Biennale di Venezia (nel 2000 e 2012) e alla 13° Triennale Internazionale di Architettura a Sofia, in rappresentanza dell’Ordine degli Architetti di Roma. Nel 2013, il progetto Picture House viene selezionato per la Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana – Triennale di Milano. Professore ad Arcadia University, ha insegnato progettazione architettonica ed urbana presso La Sapienza, e presso le sedi a Roma di California Polytechnic, Cornell University, Iowa State University.

Come illustratore ha pubblicato su riviste di fumetto d’autore (ANIMAls) e di musica (Follow that Dream). Dal 2013 collabora con il Goethe-Institut in un progetto volto all’illustrazione delle principali città in Germania. Nello stesso anno ha presentato il progetto “Il Senso delle Cose” in una mostra personale al Chiostro del Bramante a Roma. La ricerca sviluppata in questi differenti settori è arrivata per la prima volta nel 2011 sulla rivista ABITARE diretta da Stefano Boeri. Espone poi in numerose mostre personali e collettive in Italia, Germania, Francia, Stati Uniti, Spagna, Cina, Vietnam, Ucraina e Corea. Attualmente espone nella mostra collettiva “Saatchi Screen“, in corso presso la Saatchi Gallery a Londra.

Nel 2017 ha collaborato con la fotografa Agnes Montanari al progetto congiunto sul campo profughi in Giordania: “Inside Za’atari” (qui il nostro articolo). Un documentario illustrativo e fotografico, dedicato a raccontare le storie personali dei ragazzi rifugiati, a sensibilizzare, diffondere la conoscenza su questa realtà e raccogliere fondi in sostegno dei ragazzi stessi. La mostra, sostenuta dal Goethe-Institut, è stata presentata sempre presso il Teatro San Genesio nell’ambito del Vitala Festival.

Quando:

Dal 17 maggio al 9 giugno 2019

Vernissage venerdì 17 maggio ore 17:30 – 20:00

Info:

Mostra visitabile solo nelle ore pomeridiane (17:00 – 20:00) previo appuntamento o contestualmente agli eventi in programma presso il Teatro.

347-8248661; wonderwallenter@gmail.com

www.fabiobarilari.com  –  www.fabio-barilari.blogspot.it

Dove:

Teatro San Genesio, Via Podgora, 1, Roma