Non Vedo Innocente Amor !, divertente commedia stile Rinascimento in scena al Teatro Testaccio

Dal 28 Novembre al 2 Dicembre debutta al Teatro Testaccio la divertente commedia Non Vedo Innocente Amor ! Ambientata in una Firenze in pieno Rinascimento, la vicenda raggruppa 6 personaggi alle prese con un enorme problema da risolvere. Tra le ironiche peripezie, trasparirá una velata analisi riflessiva sugli aspetti negativi della società cinquecentesca, non tanto dissimile da quella odierna. Protagonisti sul palco gli attori Sebastiano Bazzichi (che firma anche testo e regia), Sabrina Maggiani, Laura Morelli, Jasmine Volpi, Paolo Cutroni e Alex Vigeni.

La Compagnia Anonymous viene fondata nel Gennaio 2014 dall’attore-autore-regista Sebastiano Bazzichi e dall’attrice Sabrina Maggiani. Missione della compagnia è quella di raccontare storie originali con personaggi realistici in cui lo spettatore possa facilmente riconoscersi, in modo da promuovere un processo di diffusione della cultura attraverso l’intrattenimento. Le produzioni teatrali e cinematografiche della compagnia vogliono unire comicità e dramma, divertimento e riflessione, sempre alla costante ricerca di un’esperienza genuina e coinvolgente, sia per gli attori che per il pubblico.

Sabrina Maggiani e Sebastiano Bazzichi in una scena della commedia

Abbiamo intervistato Sebastiano Bazzichi e Sabrina Maggiani, fondatori della Compagnia Anonymous, che ci raccontano in anteprima l’ultimo lavoro Non Vedo Innocente Amor, pronto all’esordio sul palcoscenico teatrale di Roma.

Un occhio critico sul mondo che ci circonda, ma sempre col sorriso

Potete parlarci brevemente di questa vostra commedia? Quali tematiche affronterà?
Non Vedo Innocente Amor è una storia, ambientata nella Firenze Rinascimentale del 1587, di sei personaggi che uniscono le loro forze per venire a capo di un problemino che li accomuna. Ma i protagonisti si troveranno di fronte ad un’impresa più difficile del previsto, e faticheranno non poco per raggiungere il loro scopi. Un piccolo viaggio che accompagnerà a suon di risate lo spettatore attraverso i difetti della società del tempo, ancor oggi tanto attuali. Si parlerà soprattutto della necessità dell’essere umano di avere rapporti sociali, dell’ipocrisia e falsità di alcune persone che usano egoisticamente il prossimo per interesse. 

Come è nata l’idea di portare in scena questo spettacolo e quali obiettivi si prefissa?
Negli anni all’Accademia di Drammaturgia ci fu proposto di mettere in scena dei corti per una galleria d’arte. Il progetto però non si concretizzò, ma restarono comunque i testi scritti dei 3 corti pensati all’epoca, che ora costituiscono proprio la parte iniziale di questo spettacolo. Decidemmo così di metterli insieme e costruire una storia continuativa che accomunasse 6 personaggi dalle diverse emozioni e sfaccettature. Abbiamo pensato di fare una piccola critica al malaffare, fatto di accordi sottobanco. Insomma ai vari inciuci che caratterizzano parte del mondo moderno. Possiamo definirlo come un simpatico inno all’onestà, ecco. Questa forma commediale vuole proporsi al pubblico come leggera, divertente e riflessiva. Riteniamo importante far allontanare ansie e preoccupazioni della vita quotidiana attraverso la risata, e allo stesso tempo prendere questi problemi ed affrontarli con atteggiamento positivo. 

Che scenografia ci attende? Per i costumi d’epoca a chi vi siete rivolti?
La scenografia sarà un po’ atipica in quanto composta unicamente da oggetti di scena come una poltrona, delle sedie ed altri piccoli ornamenti. Ciò che può attrarre è la magia che avviene tra i personaggi. La scenografia quindi la farà il teatro stesso. Per quanto riguarda i costumi, la ricerca e la realizzazione è tutta autoprodotta dalla compagnia. In parte abbiamo preso dei vecchi abiti sistemandoli con cura. Altri invece sono stati acquistati per l’occasione. 

Da sinistra Sebastiano Bazzichi, Sabrina Maggiani, Paolo Cutroni, Jasmine Volpi, Alex Vigeni e Laura Morelli

Il cast e i prossimi appuntamenti

Il cast attoriale è composto appunto da sei personaggi rinascimentali. Quali caratteristiche presentano?
Mastro Leon Battista (Sebastiano Bazzichi) è il padrone di casa, un signorotto della bassa nobiltà dell’epoca, piuttosto arrogante. La moglie Giovannella (Sabrina Maggiani) è una donna che ambisce ad elevarsi il più  possibile nella società ricorrendo a qualsiasi mezzo necessario. Laura Morelli interpreterà invece Luisella, la giovane figlia della coppia, che si atteggia a ragazza brava, dolce e buona ma forse non lo è poi così tanto. La serva di casa, nonché dama di compagnia, Lucrezia (impersonata da Jasmine Volpi) si barcamenerá tra le varie vicissitudini cercando di fare il meglio possibile. Infine ci sono i due personaggi che si chiamano Io e Tu, rispettivamente inscenati da Paolo Cutroni e Alex Vigeni. Due professionisti con nome in codice assunti da Leon Battista per una missione segreta…

Non Vedo Innocente Amor quindi debutterà in assoluto dal 28 novembre al Teatro Testaccio, ricordiamolo. Sono previste ulteriori date nei prossimi mesi sempre a Roma?
È un debutto parziale in verità, perché i primi tre corti sono stati già eseguiti in questi anni ad alcuni festival teatrali. Al contrario la seconda parte, che unisce tutti e sei i personaggi, è  totalmente inedita. Come Compagnia Anonymous ci siamo trasferiti a Roma proprio quest’anno, e continueremo ad andare in scena nel 2019 al Teatro IF il 16 marzo, al teatro Antigone dal 12 al 14 aprile, e al teatro Hamlet il 4 e 5 maggio. Oltre a questa commedia, porteremo in altre sedi e date anche “Oscar”, uno spettacolo completamente diverso ambientato in epoca contemporanea con personaggi molto realistici.

© Riproduzione riservata

Quando:

Dal 28 Novembre al 2 Dicembre 2018

orari: mercoledi – sabato ore 21.00, domenica ore 18.00

Info e prenotazioni:

06.5755482 ; teatrotestaccio@gmail.com

Dove:

Teatro Testaccio, via Romolo Gessi 8, Roma