“La Cena” inaugura la prima stagione teatrale di Teatrosophia

La prima stagione di Teatrosophia, lo spazio teatrale nel cuore di Roma tra Piazza Navona e Castel Sant’Angelo diretto da Guido Lomoro, prende il via il 20 settembre. Saranno 24 gli spettacoli in cartellone, due mostre di pittura, una di scenografia, spettacoli per bambini, corsi di recitazione, reading e musica, un cartellone ricco di appuntamenti. Ad inaugurare il cartellone iniziale è lo spettacolo scritto da Giuseppe Manfridi: “La Cena”. In scena l’attore Andrea Tidona accompagnato da Chiara Condrò, Stefano Skalkotos e Cristiano Marzio Penna. La regia sarà diretta da Walter Manfrè. La pièce, prodotta dal Teatro della Città di Catania, resterà in scena fino al 7 di ottobre.

Sinossi e cast

Una sontuosa tavola apparecchiata per 30 persone, spettatori inclusi. Un capo cameriere che serve dell’ottimo vino. Attorno alla tavola gli spettatori, invitati a La Cena, e con loro gli attori protagonisti dello spettacolo. Un padre, una figlia, il suo fidanzato e il maggiordomo, accomodatisi al tavolo insieme agli ospiti, iniziano una discussione riguardante misteriosi affari di famiglia, di natura assolutamente personale, che turberanno gli invitati. Al centro della discussione vicende del passato e del presente caratterizzate dalla più assoluta impudicizia. Esperienze che coinvolgeranno appieno il pubblico.

La scena è quella del ritorno a casa di una figlia (Chiara Condrò), fuggita da tempo. Una riconciliazione è ciò che tutti si attendono, ma non il perfido padre (Andrea Tidona) che progetta una trama diabolica ed un tranello per la figlia e il futuro genero (Stefano Skalkotos). L’uomo riesce a solleticare gli istinti dei due giovani e ad operare magistralmente per far emergere i loro lati peggiori e misteriosi. Il giovane fidanzato è debole ed avido, la figlia ha la forza di reagire ma si accontenta, mediocremente, di un amore forse non vero. Anche il maggiordomo (Cristiano Marzio Penna) non viene risparmiato, rivelando la sua sete di denaro, per cui sacrifica la propria e l’altrui dignità. La tensione si farà insostenibile di pietanza in pietanza

Il testo è stato scritto da uno dei più importanti drammaturghi italiani contemporanei, Giuseppe Manfridi, che ha badato a restituire un’opera carica di tensione drammatica e di ironia che alla fine lascia tramortito il pubblico. Lo spettacolo debuttò a Roma nel 1992 e da allora ha visitato i più importanti teatri italiani (Nazionale di Milano, Delle Arti di Roma, Niccolini di Firenze). Nel 2016 ha preso nuovamente vita, debuttando nel Salone del Castello Aragonese di Comiso (Ragusa), aprendo ben due stagioni del Teatro Garibaldi di Modica. Recentemente è stato in scena a Catania nel cartellone del Piccolo Teatro della Città.

Quando:

Dal 20 Settembre al 7 Ottobre 2018

(dal giovedì alla domenica) ore 21 – domenica ore 18

Info e costi:

info@teatrosophia.it – tel: 06.68801089 – 375.5488661 – web: www.teatrosohpia.com

Biglietti 18€ + 2€ tessera associativa del teatro

Dove:

Teatrosophia, via della Vetrina 7 – Roma

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *