“E-qui-no! Una parabola sul mestiere dell’attore” in scena al teatro Elettra

Dal 17 al 20 gennaio, andrà in scena al Teatro Elettra di Roma E-qui-no! Una parabola sul mestiere dell’attore. La rappresentazione, scritta e diretta da Eliseo Pantone, si propone come esperienza di condivisione e coinvolgimento emotivo nei confronti del pubblico. Sul palco i giovani attori Gregorio Braguzzi, Gianpaolo Caprino e Teresa Nardi del gruppo teatrale Kumpania daranno vita ad uno spettacolo fuori dagli schemi convenzionali.

Sinossi

Per un cavallo da soma, dopo una vita passata a sgobbare nei campi, si accende il sogno di vincere la corsa equestre della città, ma il padrone lo sta portando in realtà al macello. Una metaforica parabola del lavoro dell’attore nel nostro millennio, il rapporto con registi che lo vedono solo come bestia buona a sgobbare e da dare in pasto al pubblico che spietato è pronto a farlo a pezzi. L’incomunicabilità tra questi mondi e la necessità di ritrovare un contatto sta alla base di questo testo. Lo spettacolo verte sulla conquista dell’esperienza necessaria da parte dell’attore/cavallo per slegarsi dal padrone o regista sconsiderato. A differenza di uno spettacolo convenzionale, E-qui-no coinvolge in toto lo spettatore, portando gli attori a recitare direttamente tra il pubblico, non in una mera performance, ma in un vero coinvolgimento narrativo ed emotivo. Gli stessi attori infrangono totalmente la quarta parete permettendo all’universo scenico creato fino a quel momento, di amalgamarsi con l’universo reale in cui si trova il pubblico e il mondo quotidiano.

Da sinistra Gregorio Braguzzi (il Cavallo), Teresa Nardi (il Macellaio) e Gianpaolo Caprino (il Padrone).

La Compagnia teatrale

Il gruppo teatrale Kumpania è formato da giovani attori provenienti da vari percorsi artistici. Il loro concetto di teatro è come il Bonsai: ciò in cui non si vede la mano esterna, ciò che sembra naturale è quello a cui si aspira. A differenza del prato all’inglese, questa è la vera essenza di organizzare il chaos, “l’essenza di se stessi”; fare qualcosa con la propria anima, creatività, impegno e amore. Esperienza significa passare attraverso. Per questo il metodo di lavoro della compagnia si suddivide in una prima fase d’incontro e conoscenza tra gli attori che favorisca la costruzione di giochi attorali e improvvisazioni. Successivamente segue una fase di attraversamento del testo fino alla svisceramento dei suoi più intimi segreti e alla costruzione dell’ossatura dell’animale scenico. Infine una fase di riempimento dell’ossatura, la carne, i muscoli, i nervi dell’allestimento. Andare in scena non pone termine al lavoro sul testo che rimane aperto ed in continua evoluzione.

Quello che vogliamo realizzare è la riscoperta che il teatro è condivisione e non esclusività. Condividere significa dividere insieme con altri e, nella preparazione dei nostri spettacoli, condividiamo il nostro sudore e la nostra fatica, le nostre idee e i nostri spazi. Collaboriamo con altri attori e altre compagnie per realizzare esperienze di qualità per noi e per il pubblico. (Gruppo teatrale Kumpania)

E-qui-no! Una parabola sul mestiere dell’attore

Scritto e diretto da Eliseo Pantone. Con Gregorio Braguzzi, Gianpaolo Caprino e Teresa Nardi.

Quando:

Dal 17 al 20 gennaio 2019. Giovedi, venerdi e sabato ore 21.00, domenica ore 18.00.

Info e prenotazioni:

329 8658537 ; Facebook: kumpaniateatro

Dove:

Teatro Elettra, via Capo D’Africa, 32, Roma (Colosseo)