Thomas Mustaki e la sua pittura psicologica

La pittura e l’arte possono diventare una via di fuga dalla pazzia, dalla depressione, dai dolori e dai tormenti interiori di una società piena di insicurezze, aspettative e traumi. E’ quello che è accaduto al giovane artista svizzero Thomas Mustaki. Le sue opere saranno esposte a partire da mercoledì 8 novembre nel Museo-donazione Umberto Mastroianni all’interno dei Musei di San Salvatore in Lauro. La mostra è parte dell’evento “Innovare creando”, organizzato da Lorenzo Zichichi e la Sua Casa Editrice “Il Cigno”, in collaborazione con ANDI, associazione nazionale degli Inventori. L’ingresso è libero per il pubblico che vorrà visitare.

Thomas Mustaki: “Knowledge”; a destra “When the Storm Ends”

Parola d’ordine “innovazione”

Thomas Mustaki è un giovane artista autodidatta, nato in Svizzera nel 1990. Le sue opere creano un linguaggio visuale davvero innovativo. Sulle tele infatti è presente una rivoluzione di tratto, di linea e di colore, in un mix tra street art, stile neorealista e neoespressionismo. Le forme geometriche sono capaci di incidere autenticità e sincerità alle sue immagini metaforiche, caratterizzate da un’emozione cruda non architettata a tavolino.

Non so da quale angolo della mia mente vengano i volti che dipingo, so solo che rappresentano la personificazione delle mie emozioni, come la rabbia, che grazie al rullo e al pennello riesco a intrappolare sulla tela. Sono emozioni crude, che dipingo di getto. (Thomas Mustaki)

Il risultato è una pittura accattivante al tempo stesso vera, realista, estrema. Un’arte aggressiva e fulminea, meditata e colta, con soggetti carichi di allusioni e riferimenti profondi dell’animo umano nel pieno della propria tempesta emotiva.

Da sinistra: “Soulmates”; “Calm Expanse”; “Blue King”

La testimonianza del tormento interiore

A cosa si è ispirato Thomas Mustaki? Le sue opere riflettono domande e dubbi quotidiani, simbolizzando la personale lotta interiore, forse mai vinta. Nei quadri dell’artista le figure umane e i volti vengono ritratti con pennellate intrise di colori vivaci e accesi, quasi fosforescenti, raccontando la battaglia che, all’età di 15 anni, si è trovato a combattere. Nel 2005, infatti, ha trascorso un lungo periodo ospedaliero per riprendersi da un forte shock psicologico. Proprio durante una delle lezioni di terapia artistica ha scoperto la passione per l’arte, decidendo di metterla al centro della sua nuova vita. Sarebbe riduttivo, tuttavia, descriverlo con il clichè dell’artista travagliato. Dalle fasi buie della sua vita Mustaki vuole rappresentare solo il meglio, per mandare un messaggio positivo e provocare emozioni e reazioni forti in chi, come lui, si è trovato ad affrontare momenti difficili come la depressione. Come una catarsi riesce a portare alla luce le afflizioni dell’anima, che altrimenti rimarrebbero imprigionate dentro di lui senza trovare via di uscita. Servirebbe anche nella vita reale un simile processo di depurazione. Forse cosi potremmo sentirci tutti più leggeri, senza quel fardello pesante che mano a mano andrebbe a danneggiare tutta la nostra esistenza, i rapporti umani, la vita!

Quando :

Dall’8 novembre all’8 dicembre

Info :

http://www.museidisansalvatoreinlauro.it/ | Tel. 06 6875608 | piosodalizio@tiscali.it |

Dove :

Museo Donazione Umberto Mastroianni, Piazza di San Salvatore in Lauro,15, Roma

Commenti

Commenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *