Articoli

fotografia, mostre roma

Al Macro va in scena FOTOGRAFIA – Festival Internazionale 2016

Dal 21 ottobre all’8 gennaio 2017 si terrà, al Macro (via Nizza), la XVI edizione di FOTOGRAFIA, Festival Internazionale di Roma.

FOTOGRAFIA sin dalla prima edizione, ha funzionato come ponte fra giovani fotografi italiani  e i principali Maestri della fotografia nel mondo. Grazie a questo “spazio culturale” d’altissimo livello si è data la possibilità a una nuova generazioni di fotografi , di formarsi all’interno di paradigmi estetici e narrativi nuovi, complessi e costantemente aderenti alla realtà del mondo.

Rober Kennedy funeral train by Paul Fusco

Robert Kennedy funeral train by Paul Fusco

Così, ad esempio, come è accaduto nell’esposizione di Paul Fusco alla I edizione del Festival. La sua mostra fotografica ha dato una indimenticabile lezione di foto-reportage libera dalle regole accademicamente intese. Infatti la mostra trattava il lungo addio che il popolo americano tributò a Bob Kennedy. La bara di Bob attraversò 328 km di ferrovia dentro un treno dal quale Fusco riuscì a scattare 1800 fotografie alle migliaia di persone che aspettavano il passaggio del treno. Neppure una foto alla salma di Kennedy. Eppure quegli scatti raccontano in modo incredibile quel giorno e quell’addio. E’ l’autore stesso ad affermare a proposito di quella mostra “Era stata allestita alla stazione Termini, la gente scendeva dai treni e se la trovava davanti, fu un’idea bellissima e geniale”.

 

FOTOGRAFIA ha quindi dato, sin dalla prima edizione, una triplice possibilità:

  1. Fornire uno spazio espositivo di prestigio per far esprimere gli autori fotografici di riferimento internazionale
  2. Dare alle nuove e talentuose generazioni italiane (e non solo) la possibilità di incontrare questi maestri assoluti e trovare attraverso essi, una strada completamente nuova e poter poi concretizzarla in un progetto
  3. L’occasione rarissima e ogni volta irripetibile, per tutti i visitatori, di vivere dal vivo questo laboratorio del mondo dell’immagine 

Il tema di questa edizione e la borsa di studio

Quest’anno il tema del Festival sarà “Roma, il mondo”. In effetti è l’intero mondo ad essersi espresso all’interno del festival nel corso degli anni. A partire dai fotografi nord americani , passando per quelli scandinavi (Anders Petersen)  e ancora fino al Giappone con Rinko Kawauchi e arrivando fino ai fotografi sudafricani e inglesi.

Questa contaminazione geo-culturale ha contribuito a creare fruttuosi scambi a vantaggio delle nuove generazioni di fotografi, arrivando a far esporre il lavoro di molti esordienti. Il tema di quest’anno dunque racchiude la mission dell’evento. Ogni edizione infatti attraverso il Premio Graziadei, permette a fotografi sotto i 35 anni di esporre in due edizioni consecutive del Festival e offre ogni anno al vincitore una borsa di studio di 5000 euro per realizzare un lavoro e presentarlo nelle sale del MACRO.

Dentro la mostra

Ed e’ lo stesso membro della Giuria del Premio Graziadei, Francesco Jodice a spiegare:

“Il premio permette di mettere a confronto una moltitudine di lavori fotografici che, di anno in anno, rappresentano una panoramica sullo stato delle cose riguardo la cultura dell’immagine nel nostro paese.”

Il tema di quest’anno porterà a scoprire, attraverso la lettura della complessità di Roma,  il mondo che ci circonda, e attraverso gli scatti si cercherà di tradurlo. La giuria è composta da Olivo Barbieri (fotografo), Paola de Pietri (fotografa), Marco Delogu (fotografo e direttore di FOTOGRAFIA – Festival Internazionale di Roma), Francesco Graziadei (avvocato, partner di Graziadei Studio Legale), Walter Guadagnini (professore di Storia della Fotografia all’Accademia di Belle Arti di Bologna, curatore e critico d’arte).

QUANDO E PREZZI

21 ottobre 2016 – 8 gennaio 2017 

da martedí a domenica 10.30 – 19.30 (ultimo ingresso 18:30)

Biglietto 11 Euro

 

DOVE


Museo d’Arte Contemporanea di Roma – Via Nizza 138, Roma

Sito Ufficiale della Mostra

 

 

 

 

 

Al Macro e sul Lungotevere si mostra la Roma di William Kentridge

Dal 21 aprile al 2 ottobre al Macro potrete ammirare i bozzetti a carboncino delle figure ideate da William Kentridge che troverete nella loro gigantesca dimensione sulle pareti del travertino.  Infatti sarà suggestivo, dopo essere stati al Macro a vederne le bozze in miniatura, recarsi sul Lungotevere (tra ponte Mazzini e ponte Sisto) dove potrete sentirvi piccoli di fronte all’imponenza delle figure ricavate da quei bozzetti e che su quei muraglioni si impongono in tutta la loro maestosità. Si tratta di figure dove ricorre penetrante l’iconografia dell’arte antica romana così come immagini e storie dedotte dalla storia della Chiesa. William Kentridge , fra i maggiori esponenti d’arte contemporanea mondiale, ha reso omaggio così alla capitale, con questa opera a cielo aperto. Al Macro, attraverso la “Triumphs and Laments: a project for Rome”  avrete quindi la possibilità di vederne la parte embrionale dell’opera, vivendo così la sensazione di vederla crescere una volta andati sul Lungotevere. L’evento è stato promosso da Roma Capitale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.
Continua a leggere