Le fiabe di Rodari a Natale

Perdersi tra le pagine dolci e incantate che Gianni Rodari ha dedicato alle festività con “Rodari a Natale”. Spettacolo a ingresso gratuito che la Piccola Compagnia del Piero Gabrielli porta in scena il 22 dicembre alle ore 17,00 presso la biblioteca Goffredo Mameli. Parole e immagini legate in un gioco fatto di visioni, suoni, emozioni, ricordi, attraverso le interpretazioni di Edoardo LombardoGabriele OrtenziSimone SalucciGiulia Tetta e Danilo Turnaturi, giovani attori scritturati dal Teatro di Roma. Coinvolgeranno grandi e piccini in un momento di festa, periodo in cui i ritmi si allentano, ci si riappropria del tempo familiare e spesso si riflette sul valore delle persone e delle cose.

Dalla penna di Gianni Rodari…

Le letture di fiabe e filastrocche, drammatizzate dalla regia di Roberto Gandini e adattate da Attilio Marangon, prendono vita per la gioia dei più piccoli. Insieme al pubblico dei più grandi potranno lasciarsi rapire da un universo magico e incantato. Ricordi lontani, storie spensierate e felici, ma anche di solidarietà estrema. Come quella di un tenero nonno alla ricerca dei giocattoli per i suoi nipotini, che si imbatterà in un ambiguo Mefistofele alle prese con un marchingegno che fa scomparire oggetti e persone non graditi ai bambini. O la tenera parabola di un presepe in cui verranno catapultati Toro Seduto, un tamburino e un aviatore con tanto di aereo. E ancora, il racconto della rivolta dei personaggi classici del presepe: pastori e vecchine delle caldarroste, con tre finali possibili a scelta dei bambini. Un divertente gioco del destino saldamente nelle mani dei desideri dei più piccoli.

Da sinistra: Edoardo Maria Lombardo, Giulia Tetta, Gabriele Ortenzi (foto Diana Bulf)

Fiabe in scena per educare

Letture recitate sotto l’albero alla scoperta dei tesori che le fiabe e le filastrocche di Gianni Rodari raccontano e continuano a conservare, affascinando il pubblico con l’ironia, la fantasia e la capacità di immaginare un mondo migliore. Tessere e frammenti di un suggestivo mosaico di brani dello scrittore di Omegna sul tema del Natale. Atmosfere e momenti di magico incanto che si trasferiscono dalla pagina alla scena, per raccontare anche storie di solidarietà e vicinanza fra gli uomini. Queste parole di Rodari forse valgono anche per i grandi…

Credo che le fiabe, quelle vecchie e quelle nuove, possano contribuire a educare la mente. La fiaba è il luogo di tutte le ipotesi: essa ci può dare delle chiavi per entrare nella realtà per strade nuove, può aiutare il bambino a conoscere il mondo. (Gianni Rodari)

“Toro Seduto” è Simone Salucci; Edoardo Maria Lombardo nei panni del pastorello (foto Diana Bulf)

Il Laboratorio teatrale integrato 

Il Laboratorio teatrale integrato Piero Gabrielli vede al lavoro una compagnia di giovani composta da normodotati e diversamente abili. E’ un progetto che ha un forte coinvolgimento di ragazzi, insegnanti e artisti. Una realtà che dal 1995 fa scuola sul tema dell’inclusione attraverso il teatro e del teatro sociale. Il rapporto che riesce a creare con la scuola è tale che la maggioranza delle attività si svolgono all’interno degli orari curricolari, e in collaborazione con tutti i docenti. Il laboratorio è riuscito a mettere in pratica il principio di inclusione che da molti viene sbandierato come un vessillo, ma che spesso rimane tale. Riuscire a parlare di questa realtà, farla conoscere, vuol dire non parlare solo di brutte notizie, ma poter dare una speranza a quanti pensano che non ci siano soluzioni o che tutto quello che accade sia sbagliato o corrotto.

Nell’anno in corso i Laboratori Gabrielli stanno coinvolgendo: 1530 ragazzi (di cui 462 con disabilità), 52 scuole, 99 docenti e 42 teatranti realizzando 1010 incontri laboratoriali. A compimento dei percorsi laboratoriali, si realizzeranno circa 80 rappresentazioni teatrali, coinvolgendo 9000 spettatori.

Info:

Il 22 dicembre, ore 17.00 Durata: 50 minuti

Ingresso gratuito

laboratoriogabrielli ; facebook

Dove:

Biblioteca Goffredo Mameli, Via del Pigneto, 22, 00176 Roma

Commenti

Commenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *