Il Teatro Testaccio apre la sua stagione “simpatica e pungente”!

Nella serata di ieri il Teatro Testaccio ha presentato la stagione teatrale 2018/2019. Ad introdurre la programmazione in cartellone è stato proprio il direttore artistico Marco Falaguasta, che da 18 anni porta avanti con grande entusiasmo e innovazione questo spazio. Una stagione molto assortita e variegata, in cui tanti artisti hanno aderito con i loro spettacoli. Da Andrea De Rosa, Giulia Ricciardi, Gabriele Guarino, Gabriele Marconi e molti altri. Sicuramente sarà una stagione all’insegna del divertimento e del buonumore, senza rinunciare alla satira sociale, importante per far emergere alcune tematiche dei nostri giorni. Non a caso quest’anno è stata nominata “simpatica e pungente“.

Il direttore artistico Falaguasta ha inoltre aggiunto che: “Il desiderio è che questo teatro diventi sempre più un posto sperimentale. Non abbiamo strutture né voglia di essere la risposta o l’alternativa all’Eliseo o al Vittoria. Abbiamo una vocazione diversa. In questo piccolo spazio, intimo e confidenziale, si trovano progetti appena nati che poi possono emigrare in contesti più grandi. Siamo quindi una piccola palestra dove si fanno quei muscoli, non in relazione all’esperienza, ma al prodotto che si porta in scena. Ogni anno abbiamo la fortuna di ospitare degli amici che i muscoli già li hanno e che vengono qui per sperimentare novità e linguaggi diversi”. Di seguito l’intera programmazione ufficiale.

La commedia dell’arte

Gabriele Guarino, direttore artistico della Bottega dei Comici, si è detto onorato di continuare per il secondo anno consecutivo la rassegna della Commedia dell’Arte all’interno del cartellone del Testaccio. Si comincerà con uno spettacolo famoso in tutto il mondo, quello dell’ “Arlecchino servitore di due padroni” di Goldoni. Come spiega Guarino: “L’idea della Bottega è quella di utilizzare questo spettacolo, rielaborato e riscritto, per raccontare un tema attuale in questi tempi: il precariato. Ambienteremo lo spettacolo in un contesto di lotta tra due case farmaceutiche. Fondamentalmente Arlecchino sarà un precario che unisce due part-time, con risvolti chiaramente diversi dalla scrittura originale.” La scommessa sarà quindi quella di scovare le maschere all’interno di ruoli che nel mondo di oggi si riconoscono facilmente. Saranno riproposti anche 2 spettacoli già portati lo scorso anno: La Locandiera e Don Chisciotte“. Si chiuderà poi con lo spettacolo di tradizione classica “Il finto Negromante di Testaccio“, dell’autore del ‘500 Flaminio Scala. Il canovaccio originale verrà tradotto nelle leggende dedicate al quartiere ospitante.

Un omaggio cantato a Roma

Gabriele Marconi e Marco Calvario porteranno l’11 novembre “Roma, tra ‘na cantata e ‘na sonata”. Soggetto sarà Roma e uno dei suoi cantautori più rappresentativi: Antonello Venditti (imitato alla perfezione da Calvario). Questo spettacolo si propone di parlare della città in termini positivi attraverso i brani del famoso cantautore romano. La conduzione di Marconi farà da tredunion tra le canzoni vendittiane e tra personaggi illustri come Aldo Fabrizi, Giulio Cesare o luoghi significativi come Campo dei Fiori, Trastevere. Si cercherà di trasmettere al pubblico emozioni e risate attraverso la musica, le gag e i ricordi particolari. Un lavoro di incastri che si preannuncia molto suggestivo.

Le commedie comiche

L’ammazzasomari” (dal 12 al 25 novembre) è una commedia esilarante, nata da una vicenda vera che stravolgerà una tranquilla serata tra amiche. Le reazioni delle donne, alle prese con un grande insetto che gira per la casa, garantiranno al pubblico risate a crepapelle. Il testo è sviluppato, scritto e interpretato da Giulia Ricciardi, insieme alle attrici Gio Giò Rapattoni, Margherita de Risi Paola Mojano. La regia sarà affidata a Francesca Draghetti (ex Premiata Ditta). Lo spettacolo ritorna al Testaccio dopo il grande successo dello scorso anno. Le stesse attrici, inoltre, porteranno dall’1 al 14 aprile “4 sorelle e un funerale“. Qui si affronterà il tema della morte, però in chiave ironica. Le quattro sorelle, che ereditano una agenzia di pompe funebri, daranno “vita” a un posto inusuale per delle donne, ma in modo creativo e divertente.

Gli altri spettacoli

Tra gli altri spettacoli ci sarà Psicomico Revolution (26-28 Ottobre) di Andrea De Rosa e Lucia Rossi. Successivamente, la compagnia Anonymous porterà in scena dal 28 novembre al 2 dicembre “Non vedo innocente amor“. La commedia è ambientata nella Firenze cinquecentesca, dove 6 personaggi tentano di risolvere i problemi comuni in modi non del tutto leciti. Attraverso i personaggi rinascimentali si criticherà quel mondo fatto di sotterfugi e inciuci, quantomai attuali. Il 12 gennaio Giorgio Gori racconterà l’avanspettacolo degli anni ’30 fino ad arrivare agli anni ’90 e 2000. Con “Vi raccontiamo l’avanspettacolo, ma a modo nostro” si partirà da Petrolini a Eduardo, toccando anche aneddoti su Totò e sketch di Bramieri, Tognazzi e Walter Chiari. Si ripercorrerà quindi cosa avveniva in questi tempi passati. Allo show collaboreranno anche la ballerina Luisa Pellino e la A&D Academy.

Il 27 gennaio poi sarà il turno di “Cerini“, spettacolo che non veniva rappresentato dal 2003. Il testo è stato rimesso in scena da Antonio Caruso, e vedrà protagonisti gli attori Alessio Sapienza e Antonio Starrantino. Qui due uomini, costretti a vivere nella stessa casa, sono innamorati della stessa donna. Un professore laureato e un girovago che si arrangia nel campare, all’apparenza diversi, si scopriranno alla fine della trama quantomai uguali. Nel cartellone anche lo spettacolo La Stessa Stella (1-3 febbraio) di Pasquale Palma e Gennaro Scarpato, oltre al Best of di Marco Falaguasta previsto per il 13-19 maggio, che chiuderà così la stagione. Inoltre, con tutta probabilità sono previsti inserimenti di spettacoli brillanti che vedranno sul palco giovani talenti nati nel laboratorio del teatro.

Un ringraziamento particolare a Floriana Corlito, gestione e uff. stampa Teatro Testaccio

© Riproduzione Riservata

Info e costi:

06 5755482 ;  teatrotestaccio@gmail.com ; www.teatrotestaccio.net

Dove:

Teatro Testaccio, via Romolo Gessi 8, Roma

Commenti

Commenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *