rassegna, teatro, tre passi di donna, teatro furio camillo

“Tre passi di donna” tinge di rosa il Teatro Furio Camillo

Pinterest

Il Teatro Furio Camillo anticipa la Festa della Donna con una rassegna tutta al femminile, in scena dal 2 al 5 marzo 2017

“Tre passi di donna”, la rassegna tutta al femminile torna sulle tavole del teatro Furio Camillo nel mese dedicato alla donna. Quattro le storie in cartellone che dal 2 al 5 marzo spazieranno dal drammatico al teatro di ricerca corporea, per un racconto poliedrico e senza tempo. Una settimana all’insegna del rosa e dell’intera tavolozza cromatica che dipingerà l’animo femminile in tutte le sue sfumature: ironia, comicità, rabbia, disperazione, violenza, vendetta e rivendicazione sono le tempere emotive del quinto anno consecutivo della rassegna. Parola d’ordine? Mettersi in gioco!

Nata in punta di piedi con tre mini spettacoli,  “Tre passi di donna” è figlia dell’anima femminile del Furio Camillo, coordinato dalle direttrici artistiche Alessandra Lanciotti e Roberta Castelluzzo che hanno costruito, nel tempo, un luogo privilegiato dal quale poter osservare la complessità e la fragilità femminile.

La rassegna

La serata inaugurale della rassegna è aperta da C.A.B.A.R.Ѐ.  Calderone Artistico Burlesco Anarchico Rigorosamente Eclettico, un divertente spazio colorato dedicato alla sperimentazione e al confronto, che reinventa al femminile l’appuntamento fisso di ogni primo giovedì del mese.

Rien ne va plus, di e con Marina Romondia, porta in scena la drammatica storia di Martina, una ragazza come tante ma con un’importante dipendenza. Uno spettacolo che nasce dalla summa delle esperienze di molti e da quella personale dell’attrice one woman show capace di catalizzare l’attenzione del pubblico per l’intera durata dello spettacolo. Riuscirà Martina a lib(e)rarsi dalla gabbia della dipendenza del gioco d’azzardo?

La rassegna prosegue il 4 marzo con White Siberian, una riflessione sulla desertificazione intellettuale nel mondo della danza; in scena Valentina Versino, Michela Mucci e BricolageDanceMovement. Testo, acrobatica e danza sono i linguaggi trasversali che accompagnano Martina Giuliani in Gaia, uno spettacolo sulla violenza di genere che calerà il sipario della rassegna domenica 5 marzo.

Prospettive e ruoli inediti dai quali osservare il mondo attraverso la lente della femminilità. Alla conquista di un’espressione che utilizzi spazi ad hoc per farsi strada, a passo sempre più deciso, verso l’orizzonte dove la femminilità non dovrà più ritagliarsi una porzione di palcoscenico per poter emergere.

Il Teatro Furio Camillo ospiterà inoltre dal 3 al 31 marzo la mostra fotografica “Non è un lavoro per donne”, proposta dal Centro Sperimentale di Fotografia Adams, con ingresso libero per tutta la sua durata. Un reportage tutto al femminile con gli scatti di Souheila Soula, che sondano le pieghe più profonde del rapporto madre-figlia, e di Silvia Agostini, figlia, madre e nonna che in sella al suo scooter ha documentato il tragitto casa-ufficio nel reportage “Oltre lo specchio”.

Una sbirciatina alla mostra fotografica “Non è un lavoro per donne”

rassegna, teatro, tre passi di donna, teatro furio camillo

TRE PASSI DI DONNA-RASSEGNA AL FEMMINILE

Quando: Dal 2 al 5 marzo

Tutti i giorni alle 21:00 – domenica alle 18:00

Dove:

Biglietti:

Biglietto C.A.B.A.R.È. € 5

Biglietto posto unico € 13 + € 2 tessera associativa

Abbonamento per 3 spettacoli €30

Info:  tel. 06.97616026

info@teatrofuriocamillo.itwww.teatrofuriocamillo.it

 

 

Commenti

Commenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *