“Camping Panorama”, in mostra il mondo onirico di Virginia Mori

Nero Gallery, come apertura della stagione 2018-2019, presenta la mostra personale “Camping Panorama” di Virginia Mori. Il vernissage inizierà sabato 29 settembre dalle 19.00, dove sarà presente anche l’artista. L’esposizione, ad ingresso libero, resterà aperta al pubblico fino al 10 novembre.

Alla scoperta del fascino della notte e del subconscio

L’artista porta con sè una serie di disegni inediti che ha concepito ispirandosi al tema di questa mostra, affiancati ulteriormente da altri meno recenti. Tutte le opere sono realizzate con l’uso di una penna bic su un supporto cartaceo. “Camping Panorama” è un luogo dal nome rassicurante, familiare, capace di trasportare lo spettatore indietro nel tempo. L’estate, nel periodo dell’infanzia, rappresenta sempre un sogno che si avvera. I campeggi estivi diventano un posto magico e segreto, un rifugio dal mondo reale, dove i bambini si trasformano da ingenui scolaretti in grandi avventurieri e temerari esploratori. In questo strano universo l’arrivo della notte può essere vissuto sia come un momento di sogno che di incubo.

A sinistra “Spaceroom“, 42×29,7cm; a destra “Ghost couple“, 42 x 29,7 cm – Virginia Mori

Quando i giochi sono finiti si è obbligati ad andare a letto, il Camping all’improvviso cambia aspetto. Si apre un nuovo e perturbante immaginario, un mondo onirico dove le lenzuola sono spettri e i letti prendono vita o viaggiano sospesi sulle cime degli alberi, in una sorta di discesa nel subconscio, nell’ignoto. La mostra indaga la dualità dell’immaginario surreale. Da una parte il richiamo familiare al gioco e alla dolcezza dell’infanzia, dall’altra il fascino delle tenebre, di una visionarietà orrorifica e ironica, di una dimensione sconosciuta. Questa duplicità è sempre ricorrente nell’opere di Virginia Mori. Grazie al suo caratteristico black humor, riesce a suscitare nello spettatore emozioni contrastanti, un misto di attrazione e repulsione, di incanto e disagio. Ed è proprio nella vastità di significati del panorama metaforico che risiede il fascino delle opere di quest’artista. L’osservatore sarà quindi invitato ad esplorare e scoprire tutto ciò.

Virginia Mori – September, 29,7×21 cm

L’artista

Virginia Mori vive e lavora tra Pesaro e Milano. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico. I suoi media preferiti sono matita, inchiostro e penna a sfera su carta. Nel 2008 vince il premio “SRG SSR idee suisse” ad Annecy Call for project. Questo le permette di realizzare il suo primo corto di animazione, “Il gioco del silenzio“, premiato e selezionato in diversi festival internazionali, che lancia la sua carriera come illustratrice e regista di cortometraggi animati. Allo stesso tempo ha lavorato come freelance per numerosi clienti e gallerie come il collettivo Withstand (Milano), con cui ha realizzato le illustrazioni del videoclip musicale “Walt Grace’s Submarine test, January 1967” di John Mayer, con la regia di Virgilio Villoresi, e il famoso libro animato “Vento“.

Altre collaborazioni con Blu Gallery (Bologna), Fendi (Roma), Pelledoca editore, Valentino e  Galleria Disastro (Milano), 25Films e Club Sensible Gallery (Parigi), Penguin Random House (Spagna), Edizioni ELVogue Arts.

Quando:

Dal 29 settembre al 10 novembre

Info:

NeroGallery

http://virginiamori.com/art-prints/ ;  http://virginiamori.tumblr.com/shop ;  https://www.instagram.com/_virginia_mori_/

Dove:

Nero Gallery, via Castruccio Castracane, 9, Roma

Commenti

Commenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *