teatro cometa off, teatro, e tu sei bellissima

E tu sei bellissima, storia di un amore destinato…a perdersi?

Pinterest

Dal 18 al 22 gennaio al Teatro Cometa Off di Roma torna in scena per il sesto anno E tu sei bellissima, la commedia romantica più rappresentata di Claudio Proietti

Amarsi senza saperlo illudendosi di essere felici con un’altra persona. La storia di Paolo e Cristina appartiene alla categoria degli amori che non finiscono, quelli che fanno dei giri immensi e poi ritornano, come citava una famosa canzone. Dopo due anni e mezzo, l’amore che li univa bussa alla loro porta in un parco qualunque di una città qualunque, nel tempo di un cinema. E tu sei bellissima, la commedia più rappresentata di Claudio Proietti, torna in scena dal 18 al 22 gennaio al teatro Cometa Off con le interpretazioni di Claudia Campagnola e Matteo Lucchini, per la regia di Giancarlo Fares.

Lo spettacolo vince la sfida di inscenare con personalità un testo giunto al sesto anno in replica, riuscendo a sostenere gli inevitabili confronti con le rappresentazioni precedenti. La pièce è godibile dall’inizio alla fine e conta su due convincenti interpretazioni che catalizzano sin da subito l’attenzione dello spettatore. “E tu sei bellissima” è la frase che azzera, nell’attimo dell’incontro, il tempo della loro separazione; è la battuta che riapre un vortice emotivo nel quale trovano posto le recriminazioni, le insicurezze, le gelosie, i rancori ma soprattutto la consapevolezza che l’amore è stato più forte del tempo e addirittura di loro.

Il testo di Claudio Proietti sceglie una sinossi lineare che punta all’introspezione e alla pancia dello spettatore. La scenografia è essenziale ma resa sagacemente parte integrante dello spettacolo: un lampione di una qualunque via delle Rose divide in due parti uguali la scena, mentre una panchina e un’altalena diventano ognuna il luogo simbolo dei protagonisti.

Impeccabile l’interpretazione di Claudia Campagnola alle prese con le nevrosi, i dubbi, la rabbia repressa e le insicurezze del suo personaggio. Si dondola sull’altalena del parco, metafora del romanticismo e delle illusioni che crollano non appena i piedi poggiano al suolo, costretta a fare i conti con la realtà, salda come la panchina sulla quale Paolo, un convincente Matteo Lucchini, sfoggia l’irritante cinismo di chi vive “ben piantato per terra e non in un mondo di cartapesta”.

teatro cometa off, teatro, e tu sei bellissima

Una foto di scena con Claudia Campagnola e Matteo Lucchini

L’altalena, metafora della vita sopra la quale ognuno dovrebbe seguire il proprio ritmo, diventa nello spettacolo il luogo privilegiato per guardarsi dentro. I racconti di Paolo sulla nuova fidanzata, che sta per renderlo padre, cedono il posto al vissuto emotivo del protagonista che, seduto su quel gioco nel parco, si lascia andare a un “ti ho amata tanto”. Una suonata di Chopin annuncia in scena la nascita di suo figlio rompendo l’ idillio appena ritrovato. Il finale è aperto. Cristina potrà ancora permettersi il lusso di essere infelice?

 

Abbiamo intervistato Claudia Campagnola e Matteo Lucchini, gli attori dello spettacolo E tu sei bellissima

Quali ruoli interpretate nello spettacolo e in quale aspetto dei vostri personaggi  vi riconoscete?

C: Cristina è una donna di oggi, una quarantenne e rappresenta tante donne insieme. Ѐ rassegnata, delusa dall’amore e per questo alla ricerca della serenità. Nonostante questo, crede ancora molto nell’amore e per questo rappresenta tantissime di noi e in questo mi è molto vicina.

M: Paolo è un uomo come tanti. Ѐ un uomo ingenuo che si basa sulla nostalgia quando rincontra Cristina. Quello è il momento in cui riaffiorano i ricordi e quello rappresenta il suo punto debole. Cede subito quando la incontra e questa, fondamentalmente, è un po’ la storia di tutti. L’ingenuità fa parte dell’uomo che quando si avvicina alla casa e alle abitudini ci casca sempre e questa è anche un po’ la mia storia.

La storia descrive l’incontro casuale di due ex fidanzati che si ritrovano dopo tanto tempo. Vi è mai successo di trovarvi nella stessa situazione?

C: I miei ex non se ne vanno mai, sono contornata da ex (ride). Sono rimasta amica di tutti ma caratterialmente nel momento in cui è finita per me è veramente così, non c’è quasi mai stata una ricaduta in una relazione precedente. Li vedo sposarsi ,fare figli e sono felice per loro perché, in fin dei conti, abbiamo condiviso una parte di strada insieme e quindi è chiaro che l’amore rimane, in un’altra forma ma c’è sempre.

M: Io invece sono proprio nella fase in cui ho rincontrato un’altra persona quindi sto vivendo proprio il momento del mio personaggio con tutte le sue nostalgie però non voglio svelare di più (sorride).

Da stasera portate in scena un testo in replica da ben sei anni. Come vi siete preparati?

C e M: Per noi è la prima volta che affrontiamo questo testo, precedentemente è stato affrontato da altre compagnie. Giancarlo Fares che è il nostro regista ha cercato di rendere questo testo il più attinente possibile alla realtà quindi anche se è stato scritto una decina di anni fa chiaramente le cose sono cambiate, com’è normale che sia. Nelle relazioni a quanto pare cambia poco (ridono) però abbiamo lavorato, insieme al regista Giancarlo Fares, ad uno spettacolo totalmente nuovo.

teatro cometa off, teatro, e tu sei bellissima

E tu sei bellissima

Quando: dal 18 al 22 gennaio 2017

inizio spettacoli ore 21.00 – domenica ore 18.00

Dove:

Biglietti: Intero 12.00€ + 2.50€(tessera obbligatoria)

Ridotto 9.00€ + 2.50€ (tessera obbligatoria) per under 25 e over 60

 

Per info 06.57284637 – cometa.off@cometa.org

www.cometaoff.it

 

Commenti

Commenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *